Le iscrizioni sono ancora aperte e i numeri continuano a salire. Il Trail del Centenario by Lovato sembra destinato a replicare, anzi migliorare, il successo dello scorso anno. Tra i favoriti sulla distanza più lunga Matteo Bossetti, Marco Zanga e Luca Carrara al maschile, Giulia Saggin e Giulia Lamberti al femminile

Manca davvero pochissimo alla due giorni di sport organizzata dalla Lovato Electric di Gorle (Bg) in collaborazione con Fly-Up Sport. Come già annunciato, dopo il grande successo dell’edizione 2022, l’appuntamento di corsa in montagna ideato per festeggiare i 100 anni dell’azienda bergamasca si è trasformato in un classico dell’alta Valle Brembana. Le iscrizioni sono ancora aperte e procedono in maniera spedita: ad oggi gli iscritti hanno superato quota 400 e si avviano verso i 500. È risaputo che, in competizioni di media distanza come appunto il Trail del Centenario, spesso gli atleti attendono gli ultimi giorni per iscriversi, decidendo anche in base alla forma fisica e alle condizioni atmosferiche. Sia per la giornata di sabato che per quella di domenica, a Foppolo, è previsto meteo variabile con prevalenza di sereno.

Le danze si apriranno sabato 10 giugno con la gara trail che si articola su due distanze: quella più impegnativa da 23 km e 1400 metri dislivello positivo e una seconda, più accessibile e adatta anche i neofiti del mondo della corsa in montagna, da 12 km con 800 metri dislivello positivo. I favoriti che prenderanno parte alla gara regina sono il Pegarun Marco Zanga (fresco del terzo posto al Colombina Trail del 2 giugno), che dovrà vedersela con il forte Luca Carrara (Team Salomon) e con Matteo Bossetti dell’Atletica Valli Bergamasche. Al femminile sarà battaglia tra l’atleta Scott Giulia Saggin, che dalla sua ha un grande bagaglio di esperienza, e l’agguerrita dottoressa di Clusone Giulia Lamperti che, dal suo esordio nel mondo trail meno di un anno fa, fa incetta di primi posti. In partenza sulla lunga anche l’americano William Blaine Strausser. A seguito delle premiazioni la festa continua con il concerto in dialetto bergamasco della famosa band Bepi & the Prismas e, a seguire, la finale di Champions League su schermo gigante.

Premio Dario Consoli per il gruppo più numeroso – La Lovato Electric in collaborazione con Banca Mediolanum ha messo in palio un Premio alla memoria di Dario Consoli (collaboratore della Banca e atleta della Runner’s Bergamo venuto a mancare improvvisamente nel 2018). Il premio consiste in materiali e attrezzature da ritirare presso Elleerre Easy Flag, lo stesso verrà assegnato al gruppo più numeroso di iscritti sulle due distanze.

Sarà festa anche domenica – Per la giornata di domenica è in programma una camminata non competitiva aperta a tutti e un imperdibile corsa Only Up in cui i campioni William Boffelli e Giulia Saggin sfideranno se stessi in un prova di velocità con partenza dal Piazzale Alberghi di Foppolo (1.620m) e arrivo sulla cima del Corno Stella (2.620m). Un evento su invito che permetterà di fissare il tempo da battere per chi, nelle prossime edizioni, deciderà di cogliere il guanto di sfida.

I percorsi di gara – Partenza dal Piazzale Alberghi di Foppolo. Lo start si troverà proprio ai piedi della pista da sci Quarta Baita, posta a quota 1.620 metri. Gli atleti saliranno per circa 1.5km lungo la pista da sci per poi imboccare, sulla sinistra, il sentiero panoramico che porta al rifugio Montebello (Terrazza Salomon), dove troveranno il primo ristoro. Da qui proseguiranno lungo il traverso in falso piano per il Lago Moro, alle falde del Corno Stella, e poi fino al passo di Valcervia (2.319 metri) che, posto sulla cresta spartiacque con la Valtellina, rappresenta il passaggio più in quota di tutta la gara. Scenderanno quindi fino a vedere il Lago delle Trote, da dove imboccheranno il panoramico sentiero che, dal lago, corre sui fianchi del Monte Toro e porta al Passo Dordona. Da qua i tracciati delle due gare si dividono. Gli atleti della “corta”, con già 800 metri di dislivello nelle gambe, svolteranno a sinistra e, percorrendo la comoda carrabile, rientreranno a Foppolo. Quelli impegnati sul tracciato più lungo, invece, svolteranno a destra fino a raggiungere il ristoro del rifugio Dordona (1.930 metri e secondo ristoro). Il tempo di rifocillarsi e sarà già ora di ripartire alla volta della panoramica Bocchetta dei Lupi (2.316 m). Da qua la vista spazia su tutta la catena delle Orobie Valtellinesi fino al confine con la Svizzera. Dalla bocchetta parte il rientro verso Foppolo passando dai laghi di Porcile e dal passo di Tartano. Non troppo distante dal passo Tartano, all’incirca al 16simo chilometro di gara, è previsto il terzo ristoro e, in zona Tegge (meno di due chilometri dall’arrivo) un quarto e ultimo ristoro idrico.

Iscrizioni e info: https://fly-up.it/corse/trail-del-centenario-lovato