Iacopo Brasi e Giulia Lamberti, ormai nota come la “dottoressa del trail”, si sono imposti nella gara partita da Clusone (Piazza dell’Orologio) con arrivo a Castione della Presolana. Il trail, che fa parte anche del calendario FISky, si inserisce del più ampio progetto “Sportumanza”, sponsorizzato da Fassi Group e coordinato da Confindustria Bergamo e dalla Scuola di Alta Formazione dell’Università degli Studi di Bergamo

I più veloci sono stati Iacopo Brasi e Giulia Lamberti. Sono loro i campioni di Sportumanza Trail, che si è svolta il 3 giugno con partenza da Clusone e arrivo a Castione della Presolana lungo il sentiero CAI 317. Una cavalcata orobica su un tracciato tecnico e panoramico, per un totale di 18 km con 1500 metri dislivello positivo toccando le creste di Cima Blum, Cima Pare, Cima Valsacco e Malga Presolana. La gara si inserisce all’interno di un progetto molto più ampio, sviluppato dopo la Summer School del 2021 realizzata da Fassi GRU, l’Università degli Studi di Bergamo e Confindustria.

Gli atleti, un centinaio, sono partiti alle 09:30 presso Piazza dell’Orologio di Clusone (BG). Subito la risalita che porta al Monte Blum sopra Rovetta, dove Iacopo Brasi (team Scott/La Recastello Radici Group) passava in soli 35 minuti, seguito da Nicola Piffari (Gruppo Sportivo Alpini Sovere). Brasi ha condotto la gara anche nel tratto di creste tecniche per allungare, infine, nella parte finale, più scorrevole. Così facendo ha tagliato il traguardo in solitaria (in 2 02’ 57”), con più di un minuto di vantaggio sul secondo e cinque sul terzo, Angelo Nespoli del GS Orobie. Al femminile Giulia Lamberti del team verde La Recastello ha cancellato ogni speranza di bagarre fin da subito, facendo il vuoto dietro di sé. Ha fermato il crono a 02 20’ 40”. Sul secondo e sul terzo gradino del podio, rispettivamente, Silvia Zanchi (2 43’51”) e Tanya Fabbris (2 47’ 10” – team Gaaren #beahero).