La gara, organizzata dall’Unione Sportiva Aldo Moro di Paluzza, è stata quarta tappa della Crazy Skyrunning Italy Cup, cioè il circuito di Coppa Italia organizzato dalla Federazione Italiana Skyrunning, che vede in testa Daniela Rota e Mirko Becherini

Nella mattinata di domenica 18 giugno i sentieri della Carnia sono stati protagonisti del circuito di Coppa Italia “Crazy Skyrunning Italy Cup” della Federazione Italiana Skyrunning con l’International SkyRace Carnia. Organizzata dall’associazione Aldo Moro Paluzza e giunta quest’anno alla sua sedicesima edizione, è stata vinta da Michele Sulli al maschile e da Sara Nait per la compagine femminile.

Una gara ad alto tasso di suspance fin dal primo chilometro, visto il ritorno al percorso originale con la cima “Coppi” sul Monte Floriz a quota 2.160 m s.l.m. e la location di partenza e arrivo ripristinata in località laghetti a Timau di Paluzza. Peccato per l’infortunio dell’azzurro (reduce da Innsbruck) Tiziano Moia che, dopo aver condotto la quasi totalità della gara, ha dovuto ritirarsi al 19simo chilometro. Lasciando quindi il gradino più alto del podio a Michele Sulli, del Team Aldo Moro Nortec che ha concluso in 2h55’35”, precedendo i compagni di squadra Nicolò Francescatto (3h01’56”) e Nicola Giovanelli (3h04’14”).

Tra le donne ha primeggiato Sara Nait, altra atleta del Team Aldo Moro Nortec, che si porta quindi a casa ben due vittorie. La Nait ha dominato dall’inizio alla fine la Skyrace con il tempo di 3h27’44”. Al secondo posto è giunta Martina Ottogalli, Atletica Dolce Nord Est, con il tempo di 3h29’39” e bronzo per Alice Cescutti (3h32’23” Team Aldo Moro Nortec).

L’evento ha ricevuto il sostegno della Regione F.V.G. ed il patrocinio della Comunità di Montagna della Carnia e del Comune di Paluzza. Per la buona riuscita della manifestazione, oltre ai volontari del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e dell’Aldo Moro, l’International SkyRace Carnia si avvale della collaborazione degli uomini del Soccorso della Guardia di Finanza, della Protezione Civile, della Forestale Regionale, dell’A.N.A., del C.A.I., della Croce Rossa e dei medici volontari dislocati sul percorso di gara: Maurizio Blarzino e Roberto Cereatti.

Il prossimo appuntamento con la Coppa Italia FISky sarà il primo di luglio con la Monte Rosa Walser Waeg 90k, unica Ultra Skymarathon del circuito.

Ph. credits: Alberto Cella