Oggi, domenica 5 febbraio, è andata in scena la Schia Monte Caio, prima tappa del circuito SkySnow Italy Cup sponsorizzata dal brand valtellinese Crazy. Ad aggiudicarsi il lungo Cristian Minoggio e Fabiola Conti, mentre sul gradino più alto del podio per la distanza più corta salgono Roberto Zamboni e Isabella Morlini. Prossimo appuntamento domenica 18 febbraio con la Gressoney Weissrunner.

È la prima di quattro gare che si concluderanno a fine marzo e si è corsa sulle alture dell’Appennino Tosco Emiliano, in provincia di Parma. La Schia Monte Caio, tappa di Coppa Italia per lo skysnow, quest’anno ha finalmente potuto godere di un panorama innevato, ideale per i 50 concorrenti che si sono dati battaglia con i ramponcini ai piedi.

L’evento, organizzato da Skyrunning Adventure A.S.D. e Montecaio S.r.l. in collaborazione con Associazione Pro Schia – Monte Caio APS, si è giocata su due distanze: quella da 10.8 km e 800 metri D+, valevole come prima tappa circuito nazionale Crazy Sky Snow Italy Cup 2023, vinta da Cristian Minoggio e Fabiola Conti rispettivamente con i tempi di 55:53 e 1:09:34; e quella da 6.2 km, 390 metri D+, prova unica che ha incoronato Roberto Zamboni (43:47) e Isabella Morlini (36:18) come campioni Regionali SkySnow 2023.

“La Schia Monte Caio è stata la gara che ha dato il via al circuito Crazy SkySnow Italy Cup 2023 e si è conclusa con ottimi risultati. Il livello dei concorrenti era alto ed è stato confermato dagli ottimi tempi di arrivo”, dichiara Roberto Mattioli, CT della Nazionale Italiana Skyrunning e Vice Presidente FiSky. “L’evento si è svolto in condizioni ottimali, sia dal punto di vista meteorologico sia per quanto riguarda il tracciato, il cui manto nevoso è stato preventivamente battuto dai gatti; il tutto confermato da concorrenti entusiasti a fine gara.”

E continua: “Sono molto contento innanzitutto per aver visto un Minoggio in ottima forma già da inizio anno; eccellente prestazione anche quella di Matteo Lora, secondo classificato, è una promessa che si sta confermando, al momento non è in squadra ma ha ottime possibilità di entrarvi. Mi ha stupito positivamente anche Tommaso Romagnoli, giovane toscano molto promettente. Non sono state da meno le ragazze, splendida gara della prima classificata Fabiola Conti; Cristina Germozzi si è qualificata al terzo post, anche lei è in aria di nazionale. Ma al di là della classifica ciò che più mi ha impressionato sono stati i tempi di arrivo. Sono molto contento”.

Il prossimo appuntamento è fissato per domenica 18 febbraio, in Valle d’Aosta con la Gressoney Weissrunner. Una gara suggestiva il cui sviluppo complessivo sarà di 9,4 chilometri con un dislivello positivo di 830 metri, nella cornice della scenografica pista illuminata “Leo David”.

Ph. Credits: FISky